Ultima modifica: 15 febbraio 2021

SCIOPERO

OGGETTO: Accordo sulle norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali e sulle procedure di raffreddamento e conciliazione in caso di sciopero del personale del comparto istruzione e ricerca sottoscritto il 2 dicembre 2020 

 

In data 2 dicembre 2020 è stato sottoscritto all’ARAN l’Accordo che sostituisce l’allegato al C.cnl 1998/2001 del 26 maggio 1999 attuando le disposizioni in materia di servizi pubblici essenziali da garantire in caso di sciopero contenute nella legge 12 giugno 1990, n. 146, come modificata e integrata dalla legge 11 aprile 2000, n. 83.

Il nuovo Accordo, sollecitato dalla Commissione di Garanzia, uniforma le procedure per tutte le sezioni del comparto Scuola, Università, AFAM, enti di ricerca.

Nell’accordo sono previsti periodi di “franchigia” in cui le astensioni dal lavoro non potranno essere dichiarate, e precisamente dal 1° al 5 settembre e nei 3 giorni successivi alla ripresa delle attività didattiche dopo la pausa natalizia o pasquale.

Sono confermati, per i docenti, i limiti individuali per la partecipazione agli scioperi, fissati in:

  • 40 ore pro-capite (equivalenti ad 8 giorni per anno scolastico) per i docenti delle scuole dell’infanzia e primarie
  • 60 ore pro-capite (equivalenti a 12 giorni per anno scolastico) per i docenti delle scuole secondarie

Nel corso dell’anno scolastico deve comunque essere assicurata l’erogazione agli alunni di un monte ore non inferiore al 90% dell’orario complessivo di ciascuna classe.

Restano invariate rispetto al passato le prestazioni indispensabili da assicurare in caso di sciopero.

Per ciascuna di esse l’accordo individua le figure professionali la cui presenza è da ritenersi necessaria; i contingenti dei lavoratori sono individuati con un protocollo di intesa tra Dirigente scolastico e organizzazioni sindacali rappresentative.

In occasione di azioni di sciopero, i dirigenti invitano in forma scritta il personale a comunicare la propria intenzione di aderire, non aderire o di non aver maturato ancora la propria decisione.

La scuola comunica alle famiglie:

  • quali organizzazioni hanno indetto lo sciopero, unitamente ai dati relativi alla rappresentatività delle stesse a livello nazionale e alla % di voti ottenuti nell’ultima elezione delle RSU di istituto, nonché le percentuali di adesione agli scioperi proclamati nell’anno in corso e in quello precedente, indicando quali sigle li hanno indetti;
  • l’elenco dei servizi garantiti;
  • l’elenco dei servizi di cui si prevede l’erogazione sulla base delle comunicazioni dei lavoratori.

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. notizie relative alla proclamazione, all’adesione e ai dati di partecipazione agli scioperi riguardanti il settore della scuola …

 

2. accertamento provvisorio della rappresentatività. triennio 2019-2021

proclamazione azioni di sciopero, a partire dal mese di gennaio 2021

1. Nota M.I. Prot. n. 1275 del 13/01/2021;

 2. Comparto Istruzione e Ricerca – Accordo sulle norme di garanzia dei servizi pubblici essenziale sulle procedure di raffreddamento e conciliazione in caso di sciopero – ARAN;

 3. Nota Commissione Garanzia Sciopero – Prot. n. 0013475 del 17/12/2020;

 I.C. “TOMMASONE-ALIGHIERI”: PROTOCOLLO D’INTESA previsto dall’art. 3, comma 2 dell’Accordo sulle norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali re sulle procedure di raffreddamento e conciliazione in caso di sciopero

REGOLAMENTO

  Individuazione lavoratori tenuti alle prestazioni indispensabili da assicurare in caso di sciopero – art 3 e art 6 dell’Accordo Aran sulle nome di garanzia dei servizi pubblici essenziali e sulle procedure di raffreddamento e conciliazione in caso di sciopero firmato il 2 dicembre 2020

SCUOLA DELL’INFANZIA

  SCUOLA PRIMARIA

  SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO




Link vai su